Nell’antichità la pianta (arbusto) del Sambuco era considerata sacra.

Ogni sua parte poteva servire come rimedio per curare le malattie dell’uomo.
Per questo veniva piantato vicino alle case, si credeva proteggesse da spiriti cattivi e non veniva mai sradicato, pena una punizione severa.

Tutte le parti del Sambuco sono utili: fiori, foglie, corteccia, bacche.

I fiori possono essere usati per gli occhi.

L’ impacco sugli occhi:
è utile in caso di congiuntivite e catarro.
Immergere 1 cucchiaio di fiori in 100 g di acqua bollente, lasciare riposare 10 minuti, applicare come impacco o per lavaggi.
Ripetere per 10 gg almeno 2 volte al giorno.

Foruncoli:
Infondere per 15 minuti, 2 cucchiai di fiori di Sambuco per 100 g di acqua bollente.
Filtrare, applicare come compresse sul viso.
Ideale anche per scottature ed emorroidi.

Cistite:

Ecco una buona tisana per sfiammare la zona pelvica e migliorare la diuresi.

    • Sambuco fiori
    • Uva ursina foglie
    • Gramigna radice

2 cucchiai per mezzo litro. Bollire e far riposare. Bere durante il giorno.

Raffreddamento:
(che può succedere anche se è caldo, a causa di aria condizionata, cibo mangiato freddo, colpo di aria)
Bere a bisogno o alla sera una tisana:

    • Sambuco
    • Tiglio
    • Menta

Quando si ha solo il Sambuco a casa, in caso di raffreddamento:
Sambuco e scorza di mezzo limone, bollire per 5 minuti. Filtrare e dolcificare con miele o sciroppo di Sambuco.

Alla sera per preparare il sonno:
Tisana di Tiglio o Camomilla con 1 cucchiaino di sciroppo di Sambuco per dolcificare.

Lo sciroppo di Sambuco può essere usato anche per dolcificare tisane per: le emorroidi, la tosse, tisane diuretiche, tisane per l’allattamento.
Lo sciroppo di Sambuco è versatile, buono, comodo, meglio averlo sempre in casa.

E per quanto oggi il progresso non ci permetta più di credere alla magia e alla superstizione, possedere del Sambuco in casa, sapendo che era considerato Sacro, ci mette in una posizione di riverenza che ci porta poi un senso di gratitudine.
Chi sperimenta la gratitudine vive più a lungo.


I prodotti consigliati in questo articolo:


Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino Vi

 

È molto più facile accusare un colpo di freddo in primavera che in inverno.

Durante i giorni di fine Marzo il Sole ha una forza maggiore e dona quel senso di calore sulla pelle che però,  se si indossano piumini e maglioni, ci fa scoppiare dal caldo! Per questo ci si spoglia.

Il problema però è che basta una nuvola passeggera, un angolo in ombra, una folata di vento per prendere un colpo di freddo.

Come si riconosce il colpo di freddo?

  • Da quel senso di peso sugli occhi o sulla fronte, come se si avesse sonno.
  • Dal peso sulla fronte se ci si abbassa.
  • Dalla secchezza aumentata delle mucose del naso al mattino seguente, che diventa pieno di crosticine.
  • Da movimenti intestinali accelerati o crampi alla pancia con conseguenti scariche.

Cosa fare per rimediare al colpo di freddo?

  1. Bere una tisana scaccia malesseri composta da China (da cui un tempo si ricavava il chinino, antimalrico), o dalla miscela più delicata da bere composta da Tiglio e Sambuco, adatta anche ai bambini.
  2. Possibilmente assumere un po’ di gocce di Ontano nero (una pianta che governa l’umidità, i catarri e le febbri secondo la gemmoterapia del dr. Piterà).
  3. Qualche goccia di oli essenziali preso in un cucchiaino di zucchero, elimina il fastidio alla gola (per esempio Ravintsara o Sinergia Difese della Pranarom).
  4. Se possibile regalarsi un bel bagno caldo, che riscalda le ossa e scaccia il freddo o meglio ancora una sauna, specialmente se si soffre di sinusite.

Per qualche giorno limitare frutta cruda e latticini, preferire verdure cotte, frutta secca o disidratata e proteine.

E poi ricordarsi che il digiuno è la prima forma di medicina per un corpo in difficoltà.

Un colpo di freddo può essere inaspettato e fastidioso, ma si può gestire facilmente.

Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino Vi


I prodotti consigliati in questo articolo:



Avere sempre freddo crea un disagio difficile da spiegare , quasi impossibile da far capire.

Il senso del freddo non è paragonabile all’opposto, il non sopportare il caldo.

La sensazione del freddo non è sentire freddo, è avere freddo dentro.

Questo freddo mette in allarme il corpo, e non permette più di pensare liberamente, di concentrarsi, di lavorare.

Avere freddo, blocca, fa inciampare il corpo, azzera il pensiero.

Quando si ha freddo, il problema sembra non sia circolatorio, ma mitocondriale.

Sono i mitocondri che gestiscono la capacità energetica personale.

Quindi ?

Oltre la diagnosi medica per inquadrare il disturbo e definire la patologia:

– sindrome di Raynaud, forma artritica, problema del microcircolo, malattia autoimmune, ipotiroidismo, si può:

Controllare il mitocondrio e il microbioma e aiutarlo.

Come? :

Migliorare il sonno
Controllate l’assunzione di minerali: Calcio, Magnesio, Potassio, Ferro.
Fare movimento
Bere tisane riscaldanti
Integrare: oligoelementi Manganese – Cobalto, Coenzima Q10, Vitamina D, lattoferrina.
Preferire cibi riscaldanti ( carne, fagioli, crucifere), rispetto a quelli raffreddati (yogurt, frutta cruda, amidi assunti da soli).


Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino Vi

Si! esiste ancora il colpo di freddo.

Può non essere avvertito per niente , oppure  per un senso di brivido leggero sul corpo, mentre si mangia o si riposa.
Non sembra importante , perché non si trema e  non si battono i denti.
Poi si trasforma in un leggero senso di nausea, che monta fino a far vomitare.
A volte non mostra segni di stomaco,  ma si  manifesta, ore dopo, con mal di pancia, crampi forti e poi scariche, spesso ripetute, vicine e liquide.

Cosa fare:

In questi casi, è importante coprirsi, fino ad avere caldo e sudare , per eliminare il freddo bloccato dentro.
Non mangiare per non caricare la digestione e  bere un poco.
Bere acqua e miele; o acqua,  zucchero, limone; acqua e sali minerali ( come Regobasic); oppure tisane con zenzero .
Aggiungere gocce o tisane diaforetiche o sudorifare come China, Timo, Tiglio, Sambuco, Bardana, Echinacea, Salsapariglia.
Bere pochissima quantità per volta ,  specialmente se si hanno scariche liquide.

Riposare.

E se non ci sono più, le nonne che avvertono: Copriti che è Aprile ! , e il detto recita: Aprile non ti scoprire, dobbiamo fare attenzione da soli.
Limitare o non mangiare,  cibi  prettamente estivi, in questo periodo, come  pomodorini crudi, mozzarelle, risotti freddi o insalatone , specialmente se si soffre di stomaco freddo, o reflusso, gastrite ipo-acida, o se si è di costituzione Terra o Acqua.
Se si mangiano cibi “freddi” , accompagnarli con  bevande calde.
È ancora troppo presto per una dieta estiva,  al mattino sono 3-5 ° C.
Il colpo di freddo è dietro l’angolo .
Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino

#elettraerboristeria #freddo #maldipancia #vomito #diarrea #scariche #colpodifreddo #aprile #pomodorini #terra #aria #acqua #costituzioni #fisiognomica #naturatermicafresca

Quando prendiamo un colpo di freddo , può essere colpa di una finestra aperta, una stanza poco riscaldata o un pasto freddo in un luogo freddo.

Può succedere di non avere da coprirsi in un momento in cui la temperatura si abbassa, o ancora un giro in motorino.
La sensazione che rimane è un senso di freddo che è penetrato dentro la pelle e non se ne vuole andare.
A poco serve coprirsi di più, mettere calzini o usare borse dell’acqua calda o cuscini riscaldanti, abbiamo bisogno di qualcosa che scacci il freddo da dentro.

Cosa fare?

Bere tisane che cacciano il freddo, perché sono composte da piante di costituzione ‘ calda ‘ , che mettono in moto il sangue e riscaldano la periferia.
Quando hai preso freddo, la prima cosa da fare oltre che coprirsi e proteggersi è bere una tisana dove ci sia almeno 1 di queste piante :
– tiglio, sambuco,
– timo, alloro , salvia
– china
– spirea
– camomilla
– cannella
Oppure prendere gocce di tiglio ( Tilia Tomentosa macerato glicerinato oppure  Ontano nero ( Alnus Glutinosa macerato glicerinato).
Perché bere qualcosa di caldo, aiuta, ma il liquido che si assume deve portare calore e non toglierlo, e ogni cibo, pianta, alimento può portare calore o sottrarlo .
Per esempio : un brodo di carne, delle noci, il pepe, apporta calore, invece : lo yogurt , i cetrioli, la frutta cruda sottraggono calore .
Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personal
error: Il contenuto è protetto!!