Tag Archivio per: alzheimer

Il diabete senile è dovuto alla difficoltà del corpo di…

Quando il sonno è difficoltoso, e non trova ragione nell’integrazione di :

– melatonina
– magnesio
– erbe in tisana o gocce
– farmaci

Conviene fare il controllo della vitamina B12.

La vit B12 tende ad essere assorbita con difficoltà all’aumentare dell’età.

Per essere assorbita , lo stomaco devo produrre sufficiente fattore intrinseco .

La vit B12, influenza la secrezione di melatonina, che regola il ritmo sonno-veglia.

È importante per la sintesi di amminoacidi e per il metabolismo delle proteine , dei grassi e dei carboidrati.

La sua carenza è un cofattore di sensibilità per malattie quali :
– Alzheimer
– Asma
– Depressione
– Neuropatie
– Oligospermia
– Tintinnio all’orecchio
– Bruciore e formicolio alla lingua
– Stanchezza.

La pillola può contribuire alla carenza di B12. Meglio controllare a periodi.

Le persone sopra i 50 anni, risultano carenti per il 40%.

L’ipotiroidismo spesso è legato ad un minore assorbimento di vitamina B12.

Se si riscontra carenza, ( il valore deve essere sopra il 500 pg/ml ) conviene integrare , 1000 mcg dì.

Alle prossime analisi, controlla la vitamina B12.


Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino Vi

 

Alzheimer era uno psichiatra del secolo scorso, che aveva notato in certi pazienti un decadimento cognitivo importante.

 

I suoi studi , prima ignorati dalla classe medica,  sono stati poi confermati come innovativi.

Alzheimer scoprì, che nei pazienti con sintomi di :decadimento cognitivo, perdita di orientamento nello spazio, difficoltà di articolazione della parola, avevano una modificazione nei neuroni del cervello.

Invece delle solite cellule, c’erano ammassi di molecole che interrompevano i flussi di pensiero e il lavoro del cervello.

Questi ammassi di molecole sono definiti : amiloidi.

Si sta ancora cercando di capire, quale sia il motivo della formazione di questi agglomerati, fino ad ora si presuppone, che può favorirli l’eccesso di zucchero nella dieta .

E il digiuno, può aiutare a ripulire il cervello dagli agglomerati amiloidi.

Il digiuno, o semi digiuno ( 16-18 ore senza mangiare) , pratica che si ritrova in ogni popolo e religione ed in ogni periodo storico, ci protegge dal decadimento cognitivo.

Due volte alla settimana, salta la cena o la colazione. Bevi durante il digiuno , acqua o tisane.

Digiunare migliora la salute.

( se non puoi digiunare, ricorda che, anche la restrizione calorica aiuta)

Se sei a dieta, seguita/o da un nutrizionista-dietista e hai una restrizione calorica ottieni un effetto similare.

Sono molti i buoni motivi per diminuire il cibo o saltare un pasto.


Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino

error: Il contenuto è protetto!!