Tag Archivio per: analisi del sangue

Quando descriviamo un sintomo usiamo parole specifiche…

Sudorazioni senza senso, dopo un pasto o di notte…

Il valore del colesterolo preso da solo, senza considerare gli altri parametri corporei può essere fallace.

Il colesterolo è meglio valutarlo in rapporto a trigliceridi, insulina, omocisteina.
Queste analisi sono definite: i 4 parametri di rischio cardiovascolare.

Servono 3 parametri su 4 sballati per considerare rischioso un colesterolo fuori range.
L’insulina, l’omocisteina i trigliceridi sono fattori che concorrono alla formazione delle placche.

Il colesterolo da solo non può essere considerato l’unico responsabile.
Il rischio di infarto e ictus può essere presente anche se i valori del colesterolo sono bassi.
In più , anche la tiroide concorre nel podio per la valutazione del colesterolo.

Una tiroide insufficiente influenza il metabolismo corporeo, alzando il valore del colesterolo.
Senti il tuo medico per una valutazione completa, non fermarti a guardare solamente le crocette nelle analisi del sangue.

Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino Vi

 

Perché livelli bassi di Magnesio possono far aumentare il colesterolo?

 

Il colesterolo oltre i limiti indica una difficoltà metabolica.

Non sempre bisogna lavorare direttamente sul colesterolo, ma serve osservare la persona nel suo insieme e comprendere se ci sono meccanismi interdipendenti.

Ad esempio una menopausa può influire sull’aumento del colesterolo, perché esso va a compensare una carenza di estrogeni.

In questo caso serve controllare gli altri 3 parametri metabolici: insulina, omocisteina, trigliceridi.

In genere, nella gestione del colesterolo è fondamentale la presenza di magnesio.

Quando aumenta il magnesio nel siero, si abbassa il tasso di colesterolo.

Risultati sperimentali mostrano una correlazione tra integrazione di magnesio e prevenzione dell’arteriosclerosi.

Quindi, se c’è un colesterolo mosso, è meglio, oltre alla terapia medica, assumere magnesio.

Il magnesio deve essere assunto in una forma assorbibile: citrato pidolato, bisglicinato.

Le forme verso cui fare attenzione se si ha insufficienza renale sono:
Magnesio ossido, magnesio carbonato, magnesio idrossido.

Il dosaggio utile è:
300-400 mg/die per gli adulti
475 mg/die donne in allattamento
350 mg/die bambini di 10 anni.

(Ivo Bianchi – Gli Oligoelementi).

PS: le unghie con macchie bianche possono indicare un alterato assorbimento dei minerali, tra i quali anche il magnesio.

Consiglio: Aximagnesio della Pegaso-Schwabe.


 

Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino VI

error: Il contenuto è protetto!!