Tag Archivio per: echinacea

Alla sera sorseggiare una tisana che aiuti a…


Inizia nelle piccole articolazioni, che risultando dolenti al tatto e calde.
Poi il dolore svanisce e resta un rigonfiamento.

È l’artrosi. Una degenerazione del tessuto, delle ossa, delle cartilagini delle dita.
Ma perché si manifesta così?

Perché nelle dita? Cosa significa ?

Per gli antichi l’artrosi alle mani era il segno, prima di tutto, di uno stomaco insufficiente.

Il cibo, non digerito bene, restava nel sangue e per non creare danno veniva depositato lontano dagli organi vitali, quali fegato, cuore, polmoni.
La cura, secondo gli antichi, iniziava dal rinforzare e migliorare la digestione, con piante amare e digestive.
Poi si aggiungevano piante antinfiammatorie, come curcuma, china, frassino, equiseto, echinacea.
E si concludeva con qualcosa che purgasse gli umori crudi (cibi non digeriti e non lavorati bene dal corpo) con piante lassative come Rabarbaro e Senna.

Oltre la cura con le piante, si abbinava un’igiene alimentare, eliminando i cibi troppo pesanti, si applicavano compresse sulle mani e sul corpo, si eseguivano orticazioni o si facevano bagni caldi-freddi per stimolare la capacità della pelle di veicolare le “tossine”.

Un approccio a tutto tondo, che poneva la persona al centro.

Una visione d’insieme che anche se non condivisa nella “cura”, oggi può essere recupera come programma a step da seguire.
Per l’artrosi serve un intervento:
  • alla dieta.
  • allo stile di vita.
  • alla capacità di eliminazione.
  • integrando carenze e sostanze funzionali.
  • porre uno sguardo anche alla vita emotiva.

Perché la malattia è sempre di tutto il corpo anima compresa.

Per approfondire >> 🌿  Tisana per le ossa


Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino Vi


Si vede dagli occhi quando una persona ha la febbre, prima ancora che il termometro la rilevi.

Gli occhi sono umidi, lucidi un po’ abbacchiati.

Quando gli occhi sono così di solito ci si sente deboli o si ha freddo, a volte si sentono gli occhi pesanti e si ha voglia di stare sul divano avvolti da una copertina.

I bambini possono dare segni di apatia o essere super nervosi .

Questo è il momento di provare la temperatura interna, che può differire poco o molto da quella esterna.

Se la temperatura interna è esterna sono simili o appena divergenti, non ci sono problemi.

Basta stare al caldo e bere una tisana scaccia febbre, spalmarsi di oli essenziali e tutto procede senza intoppi.

Se invece la temperatura interna è molto più alta di quella esterna è il momento di fare attenzione e agire.

Bisogna portare le temperature più vicine possibili.

Cosa fare :

– bere tisane diaforetiche ( scaccia febbre):
* Sambuco, Tiglio, oppure *Sambuco, Rosa Canina, Timo, Issopo.

– riscaldare piedi e mani ( cuscini riscaldanti, borse dell’acqua calda ).

– prendere qualcosa che aiuti il processo della febbre come Ribes, Ecoflog Cento Fiori ( sambuco, echinacea …)

– prendere una purga se non si ha scaricato.

– bere liquidi caldi ( camomilla, Tiglio da solo, amaro alchemico diluito)

– spalmarsi di oli essenziali come Ravintsara o Sinergia Pranarom.

– fare un bagno caldo con Bagno Benessere Dr.Hauschka.

Il fine è portare energia e calore all’esterno ( che presenta una temperatura più bassa ) per equivalere la temperatura interna.

Appena si ottiene questo, allora si può passare a raffreddare il corpo con applicazioni fredde, sia sui piedi o polpacci, che sulla fronte o si sta scoperti.

Se si raffredda un corpo che è ancora freddo all’esterno, non si ottiene l’effetto sperato di portare via calore, perché viene bloccato dentro.

La febbre va capita, monitorata, aiutata e poi fatta dissolvere.

L’aumento della temperatura è un processo impegnativo per il corpo, spesso necessario per uccidere batteri e virus, bloccare o non aiutare questo processo, mette il corpo in difficoltà, proprio quando è più fragile.


Elettra Erboristeria

#pranarom #drhauschka #amaroalchemico #centofiori #difeseimmunitarie #saluteebenessere #salute #oliessenziali #tisane #rimedinaturali #cornedovicentino #elettraerboristeria


L’aria più fresca della sera in autunno ci accompagna dolcemente a desiderare una bevanda calda.

Ecco il momento ideale per preparare una tisana per le difese.

– 20 g eucalipto
– 15 g timo
– 15 g echinacea
– 10 g calendula
– 15 g rosa canina
– 15 g piantaggine
– 10 g menta p.

1 cucchiaio per tazza , 2 cucchiai rasi per mezzo litro .

Bollire 1 minuto coperto. Riposare 15 ‘.

Riscaldare a piacere.

Le tisane per le vie respiratorie sono sorprendenti per la loro velocità di azione .

Leggere ma efficaci, buone e funzionali , sono l’ideale da avere in casa , come abitudine serale e come emergenza nei fine settimana.

Le preparazioni liquide casalinghe : tisana e decotti, hanno valicato i tempi e superato i cambiamenti importanti degli ultimi anni.

Una resistenza tale, mostra solo il cuore buono e efficiente di questa semplice preparazione casalinga.

In più, come una bella tazza di tisana alla sera, può diventare un rito, che è un’ azione ripetuta uguale a se stessa nel tempo .

I riti creano legami, saldano relazioni, governano il tempo perché mettono un confine e impediscono che i giorni scivolino via.


Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino Vi

#difeseimmunitarie #salutementale #saluteebenessere #salute #dormire #rimedinaturali #cornedovicentino #elettraerboristeria #tisane #echinacea #rito

error: Il contenuto è protetto!!