Tag Archivio per: frutti

Ogni cibo che mangiamo genera nel nostro corpo calore o freddezza.

Questa proprietà si chiama “Natura Termica dei cibi”.
Mangiare melone o fragole è diverso che mangiare spaghetti all’arrabbiata o salamino piccante.
Ogni luogo e ogni stagione porta con sé cibi adatti al momento per aiutarci ad affrontare la stagione imminente.

In primavera inoltrata troviamo un’alta varietà di frutta: ciliegie, albicocche, fragole.
Frutti ricchi di acqua, che si sono maturati velocemente.
Questi frutti portano acidi organici della frutta e acqua, che hanno il compito di rinfrescare e alleggerire il sangue.
Il sangue più leggero scorre meglio, ripulisce e prepara il corpo ad affrontare il caldo estivo.

In autunno inoltrato invece troviamo: noci, nespole, castagne, le quali sono molto meno ricche di acqua, maturano lentamente e resistono commestibili per parecchio tempo.
Questi cibi sono più calorosi, concentrano i succhi e il sangue e ci preparano per l’inverno.
Per questo è più saggio mangiare i prodotti di stagione, perché oltre che essere meno costosi, sono più adatti a mantenerci in salute.

Ps. La natura termica dei cibi può essere modificata tramite la cottura, salatura e metodi impiegati per conservare.
Se sei un tipo che ha sempre freddo fai attenzione ai cibi ricchi d’acqua come la frutta e la verdura che cresce veloce e lo yogurt;
se invece hai sempre caldo, limita i cibi salati, essiccati, molto cotti o speziati.

Diventiamo un po’ quello che mangiamo.
È meglio avere cura di ciò che mettiamo in bocca, perché se mangiamo spazzatura, diventeremo spazzatura.

Nel sito trovi moltissimo materiale per comprendere i sintomi del corpo, forza dei cibi, le costituzioni (essere calorosi o freddolosi) e rimedi naturali.
Cerca nel sito www.elettraerboristeria.com

Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino Vi

 

Agrodolce per resistere al caldo estivo

 

Il sapore agrodolce stimola l’acquolina, rende più digeribili i piatti, ed è utile al fegato.

Si trova in tutti i frutti che apprezziamo, come limone, more, kiwi, mele.

Nella preparazione dei piatti il sapore agrodolce è dato dalla combinazione fra dolce e agro, tra acidi e zuccheri, tra aceto e zucchero.

La consuetudine di usare il sapore acido affonda le radici nella cultura araba, successivamente nell’antica Persia, poi nella cucina romana e infine nel medioevo fino a noi.

La parte acida viene presa da agrumi, frutti, fermentati, la parte dolce da miele, datteri, uva passa.

Nella cucina Siciliana , l’agrodolce la fa da padrona, ma anche nella zona alpina con i cappucci marinati in agrodolce, troviamo questi cibi.

L’agrodolce si sposa ottimamente con i cibi grassi, e ne aiuta la digestione, e durante l’estate è ottimo per rinfrescare .

Ecco qui una ricetta per i cappucci.

https://www.cucina-naturale.it/…/insalata-agrodolce-di…/

Perché la salute passa anche dalla tavola.


Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino Vi

error: Il contenuto è protetto!!