Tag Archivio per: gravidanza

Questo studio recentissimo…

Se l’ingorgo non si scioglie…

Tutto quello che spalmiamo sulla pelle, viene assorbito…

Le ragadi sul seno sono tagli molto dolorosi e possono impedire l’allattamento.

Per prevenire la comparsa delle ragadi bisogna fare attenzione alla dieta fino dalla gravidanza, controllando l’assunzione di >> 🌿 Vit D e vit A e assumere una posizione corretta di mamma e neonato durante l’allattamento.
La vit D deve essere integrata e controllata tramite le analisi del sangue, perché viene sintetizzata solo esponendosi al sole nei mesi di giugno-agosto, se si sta al sole per almeno 4 ore, con il 70% del corpo esposto.
La vitamina D non si trova nel cibo se non in minima quantità.

Le persone allergiche, con malattie autoimmuni, disturbi digestivi, epatici, renali o in gravidanza hanno un fabbisogno maggiore di vit D.
La vit A è indispensabile per l’elasticità della pelle, si trova nelle uova, nel pesce grasso, nel fegato, nei semi oleosi.
Localmente sulle ragadi, si applica:
>> 🌿 Burro di cocco,
>> 🌿 Crema alla calendula,
>> 🌿 Olio essenziale di geraneo o lavanda (distante dalla poppata),
>> 🌿 Polvere di seta del Dr.Hauschka,
>> 🌿 Fiale di mangananese,
>> 🌿 Rame in oligoelemento e latte materno.

Un mese prima del parto è anche utile strofinare con mezzo limone i capezzoli.
Allattare, se desiderato è un momento importante.
Proteggersi dal dolore delle ragadi è fondamentale.


I prodotti consigliati in questo articolo:


Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino Vi

 

Anche se c’è il sole, vista la bella stagione che avanza, non è un buon momento per sospendere la vitamina D, specialmente se si è donna.

Negli ultimi anni gli studi sulla vitamina D confermano le sue importanti funzioni extrascheletriche.
Uno degli effetti maggiori di questa vitamina è modulare la risposta del sistema immunitario ed è noto che la donna nei momenti di passaggio come menopausa, gravidanza, pubertà è più sensibile e soggetta a malattie autoimmuni.

Le malattie autoimmuni sono patologie dove il sistema immunitario personale è corresponsabile del danno verso se stessi.
Un’ integrazione corretta di vitamina D, impedisce la disregolazione del sistema immunitario, invece una carenza pone la donna in una situazione di fragilità.

Per soddisfare i bisogni giornalieri di vitamina D senza dover integrare è necessario stare al sole, con il 70% del corpo esposto, per almeno 4 ore.
Se una persona lavora, o non sta al sole come una lucertola, ha un tempo di esposizione così basso che l’integrazine è necessaria e indispensabile.

Un’ integrazione sufficiente comporta dei valori di vitamina D nel sangue sopra i 60 ng/ml.
La prevenzione è la medicina più efficace, parlane con il medico e continua ad integrare anche se nel cielo splende il sole.


I prodotti consigliati in questo articolo:


Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino Vi

 

Ecco un grafico che spiega con i colori quale dovrebbe essere il valore ideale di vitamina D nel sangue.

Perché avere livelli sufficienti o appena sufficienti NON è una buona cosa.
La vitamina D ha capacità terapeutiche importanti, ma solamente se è presente a dosaggi corretti.

Un dosaggio troppo basso limita la possibilità di usufruire della sua capacità regolatrice e protettrice.

NON basta il sole di Aprile, e nemmeno quello di Maggio anzi, il poco sole che prendiamo alle nostre latitudini (Italia Settentrionale) non basta mai, a meno che una persona non sia un bagnino o un muratore spesso esposto ai raggi solari.
Servono più di 4 ore al sole,  con pochissimi vestiti per poter accumulare vitamina D e serve:

  • un fegato efficiente,
  • un intestino a posto,
  • l’assenza di malattie autoimmuni,
  • il NON uso di statine,
  • reni efficienti
  • serve assumere grassi nella dieta perché la vit D dipende dal colesterolo.

Troppi elementi ostacolano i processi di trasformazione ed accumulo di vitamina D.
L’azione più saggia è integrare finché non si è al mare se si è giovani, e integrare sempre se si è in gravidanza, anziani, ammalati, soggetti a depressione, a malattie respiratorie, o si ha un’alta sensibilità al freddo e si soffre si malattie autoimmuni o degenerative.
Parlane con il medico, non accontentarti dei valori che nella tabella sono ‘rossi’.

La vitamina D è molto di più di una vitamina.
Protegge, rinforza, migliora l’umore, la vista, la pelle, le ossa, il sonno, le malattie croniche.

Meglio una vitamina oggi, che una malattia domani.

 

Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino Vi


I prodotti consigliati in questo articolo:


error: Il contenuto è protetto!!