Tag Archivio per: oligoelementi

Se si accusano crampi di notte, sulle dita, nel polpaccio, oppure di giorno da seduti o mentre ci si piega, significa che manca qualcosa di importante nel corpo.

I muscoli lavorano bene se hanno a disposizione i minerali come: Calcio, Magnesio, Potassio ma anche Sodio.
Quando si presentano i crampi di solito si integra Potassio e Magnesio.

E se non basta?
Meglio integrare anche il Sodio = sale
Usare sale marino in cucina aiuta a recuperare una buona quota di Sodio e oligoelementi o integratori di minerali con Sodio.

E se non basta?
Se si integrano i sali minerali (meglio citrati) e si accusano ancora crampi?
Controllare il bere.

Può esserci troppa poca acqua nella dieta rispetto al proprio stile di vita.

Oppure:
Troppa acqua (se si lavora al caldo) quindi bisogna aumentare la quota di minerali assunti.

Per ultimo controllare il Paratormome nel sangue, rispetto alla vitamina D e sentire il medico.
I minerali citrati non caricano i reni, possono essere integrati secondo le posologie specifiche senza pericoli, per esempio >> 🌿 Regobasic Pegaso.

Anche i bambini piccoli possono avere bisogno di minerali, specie se si svegliano spesso di notte, ma bisogna chiedere consiglio al pediatra.


I prodotti consigliati in questo articolo:


Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino Vi

 

Il Fuoco di San Antonio è uno sfogo che nessuno vorrebbe avere.

Crea un dolore bruciante, come un coltello rovente che si pianta nel luogo dove è presente il virus.
Può comparire nei fianchi, in viso, nelle zone genitali, sotto il seno.
Più è esteso, peggio è.

Ai primi sintomi, anche se non si vedono bollicine è meglio sentire il medico.
A volte le bollicine non compaiono, ma il dolore è uguale. Descriverlo correttamente aiuta a ricevere una diagnosi corretta.
A fianco della terapia medica con antivirali e vitamine B, è suggerito aggiungere:

  • vitamina D, in un dosaggio un po’più alto.
  • una miscela di oli essenziali (per bocca e per impacco).
  • oligoelementi per evitare la cronicizzazione del dolore.

A volte il dolore è così forte e insistente che il medico prescrive farmaci antidolorifici potenti.
Qualche studio parla dell’efficacia di alte dosi di vitamina D (metodo Coimbra).
Il dolore dell’herpes è veramente pesante da portare, meglio usare tutte le conoscenze possibili per gestirlo ed eliminarlo più in fretta possibile.


I prodotti consigliati in questo articolo:


Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino Vi

 


Proteggere è la parola più bella, appena dopo Amore.

È cura, attenzione, delicatezza, è l’amore in azione.

Come si può proteggere la salute di tutte le persone che amiamo?

Come proteggere specialmente la tiroide?

Aggiungendo tutti i giorni ai cibi le alghe.

Le alghe si possono trovare in polvere, foglie, pezzi e anche in capsule.

Naturalmente ricche di iodio organico, lo rendono disponibile al corpo che può accumularlo, così da non lasciare spazio ad altri elementi indesiderati.

Le zone interne della penisola Italiana -le zone montane- sono tradizionalmente povere di iodio e lasciano la tiroide scarica di questo minerale e quindi più sensibile a inquinanti.

Oltre le alghe in fiocchi o foglie da usare nei piatti in cottura o sulla verdure crude, per apportare iodio, ci sono le alghe in pastiglie, come la Clorella, che non possiedono iodio, ma hanno la capacità di chelare le tossine indesiderate.

La vita proviene dal mare con le sue alghe ricaviamo protezione.

Attenzione: non possono usare integratori di iodio e alghe, le persone in terapia per ipertiroidismo, ma possono integrare oligoelementi di zinco-rame e selenio.

Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino Vi


Se abiti in zone di montagna o collina, oppure nei paesi all’interno della nostra bella Italia, vai incontro facilmente a carenza di iodio.

Solo le persone che abitano sui litorali possono stare relativamente sereni.

Lo iodio è un oligoelemento essenziale, si trova in ogni distretto : fegato, cervello, polmoni, ovaie e testicoli, ma più di tutto si trova nella tiroide e in quantità elevata pure nel globo oculare ( nella cornea, nel cristallino, nel nervo ottico).

Ed è un elemento essenziale durante l’allattamento, perché il latte è ricchissimo di iodio, indispensabile per la crescita del neonato.

Lo iodio stabilizza e controlla quasi tutte le reazioni biochimiche che avvengono nel corpo, specialmente quelle dove è presente calcio-fosforo.( se i crampi non passano con un’ integratore di potassio e magnesio, forse manca iodio).

Alimenti e farmaci possono inibire l’assorbimento dello iodio, già scarso nella dieta.

I cibi più responsabili sono gli affettati per il contenuto di nitriti che competono con l’assorbimento dello iodio. E un uso eccessivo di soia, cavolo, senape.

Integrare la dieta con alghe in scaglie secche da aggiungere direttamente ai piatti o foglie da bollire, ne rende disponibile il giusto quantitativo.

Chi soffre di intestino irritabile, chi tende soffrire di diarrea o malattie da malassorbimento ( celiachia, morbo di Crohn, gluten sensivity) deve porre più attenzione e cercare di integrare cibi con iodio, sale marino o assumere integratori.

Una buona integrazione per sostenere un tiroide stanca è composta da :

lievito al selenio
– iodio oligoelemento.

A volte serve aggiungere gli oligoelementi Rame e Zinco, che sono gli attivatori enzimatici della trasformazione dell’ormone tiroideo nella sua forma attiva.

Se soffri molto il freddo, hai le palpebre o il viso gonfio. Non ti bastano le ore di sonno per sentirti riposato, hai unghie fragili o capelli fragili, senti di essere sempre stanco, l’intestino lento, o hai poca memoria, seti di essere depresso, controlla la tiroide.

( tratto da : Ivo Bianchi – Gli oligoelementi).


Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino Vi


Avere sempre freddo crea un disagio difficile da spiegare , quasi impossibile da far capire.

Il senso del freddo non è paragonabile all’opposto, il non sopportare il caldo.

La sensazione del freddo non è sentire freddo, è avere freddo dentro.

Questo freddo mette in allarme il corpo, e non permette più di pensare liberamente, di concentrarsi, di lavorare.

Avere freddo, blocca, fa inciampare il corpo, azzera il pensiero.

Quando si ha freddo, il problema sembra non sia circolatorio, ma mitocondriale.

Sono i mitocondri che gestiscono la capacità energetica personale.

Quindi ?

Oltre la diagnosi medica per inquadrare il disturbo e definire la patologia:

– sindrome di Raynaud, forma artritica, problema del microcircolo, malattia autoimmune, ipotiroidismo, si può:

Controllare il mitocondrio e il microbioma e aiutarlo.

Come? :

Migliorare il sonno
Controllate l’assunzione di minerali: Calcio, Magnesio, Potassio, Ferro.
Fare movimento
Bere tisane riscaldanti
Integrare: oligoelementi Manganese – Cobalto, Coenzima Q10, Vitamina D, lattoferrina.
Preferire cibi riscaldanti ( carne, fagioli, crucifere), rispetto a quelli raffreddati (yogurt, frutta cruda, amidi assunti da soli).


Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino Vi

D’estate è più facile mangiare affettati, sia perché il caldo fa sparire la voglia di cucinare , sia per arricchire le insalatone .

 

Ma a parte la quantità di sale che contengono, sia gli affettati animali che vegetali, dobbiamo difenderci dai conservanti.

I nitriti , usati per conservare , contenuti negli affettati, possono trasformarsi nell’intestino in Nitrosammine , che sono altamente cancerogene.

Cosa fare ?

Bere acqua e limone, ai pasti o come bevanda dissetante e estiva.

Con il suo contenuto di vitamina C , neutralizza i nitriti, legandosi ad essi.

La vit C è una vitamina innocua, sicura, preziosa.

Effetti della vitamina C :

– costruisce il collagene, che è la sostanza più importante per rinforzare e legare le cellule, i muscoli, le vene, le ossa e le cartilagini.
– aiuta la conversione dell’acido folico in folina, aiutando nelle anemie macrocitiche.
– permette l’immagazzinamento del ferro nel midollo, milza e fegato.
– aiuta ad assorbire oligoelementi
– è necessaria per la sintesi dei corticosteroidi nel surrene
– è essenziale per la biosintesi della carnitina ( aminoacido base per la formazione dell’energia nei mitocondri ).
– stimola il sistema immunitario
– inibisce la formazione delle nitrosammine .

L’eccesso crea diarrea.

Se si presentano disturbi come :

– ematomi
– stanchezza
– anemia
– fragilità capillare
– o si soffre di stress prolungato, è meglio integrare la vitamina C.

1000 mg dì, suddiviso in 2 dosi.

Si aumenta in caso di patologie.

( tratto da Vandecum di Erboristeria – Bettiol, Nappini , Nunziati. KOS edizioni )


Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personali

Cornedo Vicentino

 

Si dice che mangiamo cioccolata perché ci serve il magnesio, ma l’elemento importante potrebbe essere il Rame.

Il Rame è importante per il nostro organismo perché stimola, aiuta, determina, un sacco di reazioni nel corpo.

Il Rame aiuta l’innalzamento termico , quando la febbre ha funzione di difesa.

Serve il Rame in caso di parassitosi.

L’ attività intensa ha bisogno di Rame, per eliminare i radicali che si formano.

Il Rame favorisce il processo di detossificazione .

La carenza crea : perdita di colore dei capelli , difficoltà di concepimento, perdita di massa ossea.

La vit B è usata bene solo se c’è il Rame.

Se si usa tanta vit C, serve più Rame.

Per migliorare il metabolismo del ferro e la sintesi dell’emoglobina , il Rame è un cofattore importante.

La pillola anticoncezionale, consuma Rame.

E il Rame potenzia l’attività di antibiotici.

( Non va integrato in caso di artrite reumatoide)

Il Rame si trova nelle carni, nel cioccolato, soia, verze, legumi , alghe, noci, semi girasole, avena.

Nel caso in cui c’è più bisogno di Rame, come infezioni, osteoporosi, anemia, si può integrare con l’oligoelemento.

( Oligoelementi : Ivo Bianchi ).


Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino Vi

 

Per chi soffre di allergia o di dermatiti , fare attenzione all’istamina è determinante per la gestione del prurito .

 

I cibi istaminici maggiori sono :

Pomodoro crudo
Frutta secca
Albume d’uovo
Cioccolato
Frutta cruda con nocciolo
Tonno in scatola
Formaggi stagionati
Vino

Purtroppo il vino fa parte dei cibi da evitare , specialmente quello bianco.

Il vino non è istaminico in sé, ma inibisce l’enzima che degrada l’istamina .

Se soffri di dermatite , allergia, goccia al naso, prurito agli occhi , evita , aperitivi, spriz , cocktail.

Aiuta a gestire l’istamina , integrare 1 di questi elementi :

– vit B

– ribes nero
– perilla
– nigella
– fungo reishi
– lattoferrina
– manganese oligoelementi

 


Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino

Comunemente viene detto : ho perso il gusto , ( dopo infezioni, paresi, incidenti e specialmente dopo l’infezione da Covid ).

Ma quello che è perso , diminuito, in difficoltà è l’olfatto.
Perdere l’olfatto, fa perdere il gran gusto della vita, perché non si percepisce più il profumo del mare, della propria casa, del bosco e della pelle di chi si ama.
Non si assapora più il cibo, che assume gusti strani, falsati.

Pericoloso :

E può essere pericoloso quando usiamo prodotti per la pulizia o andiamo a contatto con sostanze pericolose, fortemente aromatiche, per avvisarci della loro presenza.
Senza contare il pericolo di sentore di bruciato in casa, in macchina o mentre si lavora.
Recuperare l’olfatto sembra un percorso lungo, ma deve essere articolato , senza aspettare che avvenga da sé.
Il naso è collegato ai ricordi e alle memorie. Sfruttando questa particolarità si può allenare e stimolare la rigenerazione dei nervi olfattivi.

Cosa fare :

1- annusare tutto quello che ci passa sotto mano, chiudendo gli occhi
2- fare 2 volte al di il training olfattivo con 5 aromi presi dagli oli essenziali
3- assumere qualcosa che aiuti come :
oligoelementi,
ontano nero gocce gemme (nell’aiuto al sistema linfatico)
4- attenzione ai cibi che mettono in difficoltà il sistema respiratorio:
latticini, yogurt, formaggi, frutta cruda nel pomeriggio, verdura cruda alla sera, troppi amidi durante il giorno o alla sera.
Cercare di recuperare l’olfatto è recuperare un grande pezzo della vita.
Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino Vi

La screpolatura o secchezza sulle palpebre o attorno all’occhio,

spesso non ha a che fare con un prodotto applicato , ma con una sensibilità alimentare.

 

A meno che non si presenti prurito e secchezza, appena dopo , o entro 3 giorni dall’applicazione di un nuovo prodotto, la secchezza, il prurito e rossore sono dati da una sensibilità alimentare.

Si può accendere la sensibilità alimentare, mai notata prima , a causa di uno stress, o per un periodo difficile, una carenza, oppure solamente perché è primavera e iniziano a volare i pollini.

Quando si avvertono secchezza o bruciore sulle palpebre ( non il bruciore dentro gli occhi, che è un altro disturbo  )

Conviene assumere :

– antistaminico come ribes gemme, o miscele antistaminiche,
– fiale di oligoelementi
e togliere i cibi che con sicurezza , muovono l’istamina o ne impediscono la degradazione.

 

I cibi che muovono l’istamina, sono :

  • Caffè
  • Pomodoro crudo
  • Frutta secca
  • Frutta con nocciolo
  • Formaggi stagionati
  • Crostacei
  • Cioccolata
  • Vino bianco

La sensibilità si spegne velocemente..

Controllare di avere un buon dosaggio di vitamina D nel sangue, aiuta molto .

Elettra Erboristeria
Rimedi Naturali Personalizzati
Cornedo Vicentino Vi


error: Il contenuto è protetto!!